Conte: “Superlega? Sono per la meritocrazia, ma Uefa deve cambiare“

Conte: “Superlega? Sono per la meritocrazia, ma Uefa deve cambiare“

LA SPEZIA - IL TECNICO DELL’INTER ANTONIO CONTE, reduce dall’1-1 sul campo dello Spezia, un pareggio che ha permesso ai nerazzurri di portarsi a +10 sul Milan secondo, ANALIZZA IL MATCH DELL’ALBERTO PICCO ai microfoni di Sky Sport: “La pressione si sente, è inevitabile. NON DIMENTICHIAMO QUANTI CALCIATORI SONO PER LA PRIMA VOLTA VICINI A VINCERE QUALCOSA DI IMPORTANTE. Oggi sono contento di come abbiamo giocato, potevamo essere un po’ più qualitativi - e per questo stiamo parlando di un pareggio - ma se oggi avessimo vinto non avremmo rubato nulla. Anche il gol dell’1-1… Quasi stavamo cercando di non farlo! Ma le giornate sono sempre meno, il traguardo inizia a vedersi e siccome abbiamo speso tante energie, dobbiamo riposarci e pensare alla prossima gara contro il Verona, che sarà molto fisica”. Poi il SIPARIETTO CON GORAN PANDEV, ex nerazzurro ed autore di una doppietta in Genoa-Benevento: “Vicino all’Inter a gennaio? Era un’ipotesi. Vuole ritirarsi? Gli consiglio di continuare se ha ancora voglia di allenarsi e andare al campo, ha ancora tanto da dare al calcio”.

CONTE, LA SUPERLEGA E IL MESSAGGIO ALLA UEFA

“Come sono stati questi giorni con la telenovela della Superlega? Dopo il Napoli siamo rientrati lunedì, chi aveva giocato ha fatto defaticante, quindi abbiamo avuto un solo giorno per lavorare, ed è stato bello concentrato. Abbiamo ascoltato come tutti le notizie che ci sono giunte. Da uomo di sport penso che non bisogna mai dimenticare le tradizioni, e vanno rispettate. Ci deve essere passione per lo sport e lo sport deve essere meritocratico. Noi lavoriamo per cercare di vincere, guadagnandocelo. Detto questo, però, io penso che tutto quello che è successo, anche organismi come l’Uefa debbano pensare a tutto il resto. L’Uefa organizza competizioni e riserva solo una piccola parte alle squadre che partecipano. I club mettono i calciatori, che vanno anche in nazionale e vengono spremuti come limoni. E chi ci rimette sono solo le società. I club meritano una fetta più congrua dei guadagni. Se prendi 10 diritti, riservi 3 per tutti e te ne tieni 7, non è giusto. Perché chi investe su allenatori e calciatori sono le società e la filosofia va cambiata. La Champions e l’Europa League la devono giocare chi a livello meritocratico ne ha diritto, non importa se le squadre sono 32, 36 o 50, altrimenti di che parliamo? Lo sport perderebbe di significato, quindi ribadisco sia che la meritocrazia debba stare al prima posto sia che gli organismi internazionali riflettano sulla ripartizione dei soldi, che deve essere più congrua per i club”. [L’Inter ringrazia Perisic, ma frena con lo Spezia: +10 sul Milan] Guarda la gallery L’Inter ringrazia Perisic, ma frena con lo Spezia: +10 sul Milan

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/inter/2021/04/21-81024640/conte_superlega_sono_per_la_meritocrazia_ma_uefa_deve_cambiare_/

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: