Bellugi: “Il covid con me è stato esagerato, come si fa a pensare sia tutto uno scherzo?“

Bellugi: “Il covid con me è stato esagerato, come si fa a pensare sia tutto uno scherzo?“

“Il covid con me è stato esagerato ma di morire non ci penso nemmeno”. Sono le parole delll’ex difensore dell’Inter MAURO BELLUGI al programma “Tiki Taka – La Repubblica del pallone”, il talk show sportivo condotto da Piero Chiambretti in onda in seconda serata su Italia 1. Bellugi, reduce dall’amputazione a entrambe le gambe, ha raccontato la sua esperienza in una lunga intervista.

COVID, IL DRAMMA DI BELLUGI: ENTRAMBE LE GAMBE AMPUTATE

Sulla sua terribile operazione che ha portato all’amputazione delle gambe, dichiara: “Il covid con me è stato esagerato perché si è unito a una malattia del sangue che avevo già. All’improvviso mi sono ritrovato le gambe nere e l’unica soluzione era amputarle. Anche perché di morire non ci penso nemmeno: ho una moglie, una figlia e un sacco di amici. E ringrazio tutti gli amici che mi hanno chiamato, che mi hanno scritto un messaggio”.

Sul dottore che l’ha operato di fede INTERISTA, conferma: “Mi ha tagliato la gamba del gol al Borussia Mönchengladbach. Lo volevo denunciare (ride, ndr). È stato il mio unico gol, anche perché una volta i ruoli erano più fissi, ogni volta che salivo Suarez, Corso e Mazzola mi rimandavano subito indietro. Ai miei tempi dovevi marcare grandissimi attaccanti, non avevi tempo per pensare ad altro”.

Sulla frase secondo cui vorrebbe le protesi di PISTORIUS, rivela: “Era una battuta ma invidio quelle persone che hanno più carattere di me e non mollano mai. Li ammiro tantissimo, infatti il mio idolo è diventato Zanardi”.

BELLUGI: “NON VOGLIO MOLLARE, ANDRÒ A TROVARE MAROTTA”

Sempre su ZANARDI: “Sulla sfortuna posso essere d’accordo, ma sul fatto di essere un eroe, lui è un’altra cosa rispetto a me. Lui ha passato delle cose pazzesche ed è riuscito a diventare un fenomeno. Non so come abbia fatto, per ora Zanardi mi batte 3-0”.

Su MORATTI che vuole sostenere tutte le spese mediche, afferma: “E’ vero. Perché Massimo Moratti mi ritiene uno di famiglia, conosco la moglie, suo figlio e quando giocavo all’Inter c’era suo papà Angelo che mi regalò anche una villa a Stintino dopo avermi fatto firmare il contratto”.

Su chi ancora nega l’esistenza del COVID-19, conclude: “Sono in ospedale in camera con un ragazzo che è stato 40 giorni intubato, un altro l’altro giorno salutava la moglie e la mamma perché stava morendo. Mi viene da piangere solo a ripensarci. Ho visto queste cose e c’è ancora chi dice che è uno scherzo. Ma come si fa a pensare a una cosa del genere?”. [Bellugi: “Quando Pelè disse a Corso…”] Guarda il video Bellugi: “Quando Pelè disse a Corso…”

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/inter/2021/01/05-77890555/bellugi_il_covid_con_me_e_stato_esagerato_zanardi_e_diventato_il_mio_idolo_/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: